Proprietà di trazione/resistenza allo strappo, provino a pantalone

ISO 1798, ASTM D3574-E, ISO 8067, ASTM D3574-F e regolamentazioni aziendali

Una prova di trazione determina le varie proprietà di trazione su un provino definito in condizioni ambientali specifiche. Gli obiettivi principali di questa prova sono la registrazione del diagramma sollecitazione-deformazione e la determinazione di resistenza alla trazione e deformazione a rottura.

Questo metodo è usato per comparare materiali nel controllo qualità.

Proprietà di trazione

In questi test i provini sono ricavati normalmente da parti finite o lastre. Ogni fustella è dotata di eiettore per evitare possibili rischi dell'operatore e eventuali danneggiamenti del campione.

La sezione trasversale del provino deve essere determinata prima dell'inizio del test. La larghezza è normalmente adottata dalle dimensioni del punzone di taglio, mentre lo spessore viene misurato utilizzando una superficie di pressione definita Anche per questo, offriamo strumenti di misurazione speciali.

Per afferrare il provino sono disponibili un'ampia gamma di afferraggi pneumatici e meccanici. Il provino deve essere afferrato in modo saldo e sicuro. Nel punto di fissaggio non possono verificarsi fratture. Il nostro laboratorio è a disposizione per aiutarti a selezionare gli afferraggi e gli inserti più corretti.

Per misurare la deformazione a rottura, possiamo offrire estensimetrimeccanici e ottici, i quali registrano l'estensione del provino nel tratto utile definito. Questi estensimetri funzionano in gran parte automaticamente. Quando si utilizza un estensimetro meccanico, è necessario assicurarsi che il peso e le forze di attrito dello stesso rimangano bassi rispetto alle forze misurate. Se si utilizzano sensori ottici, i campioni non devono essere danneggiati dalla marcatura.

Normative per Queste Prove

Resistenza allo strappo

Una prova di strappo determina la resistenza al taglio della schiuma. Quando viene applicato un carico di trazione, si forma un picco di sollecitazione alla fine della cricca in cui si verifica la rottura del materiale. La resistenza allo strappo è specificata in N/cm in relazione alla larghezza.

I provini a pantalone e angolari sono definiti dalla normativa, i primi sono menzionati solo alla normativa ISO. Al contrario della gomma, esso è sottoposto all'apertura della cricca (modo I).

Per i provini a pantalone, la propagazione della cricca avviene nel senso longitudinale del provino, lungo 25 mm di superficie. Una superficie così ampia aumenta la possibilità di trovare zone con una struttura cellulare più stretta, che diventa quindi responsabile di una forza massima maggiore. Poiché la cricca è introdotta da un'incisione, questo metodo valuta la forza richiesta per la relativa propagazione.

Il provino angolare viene caricato senza incisione. Di conseguenza si verifica un picco di carico, non prima dell'incisione. In questo metodo la cricca si propaga in modo trasversale all'asse longitudinale del provino.

I risultati dei provini a pantalone presentano molta più variabilità rispetto a quelli del provino angolare. In un test round robin eseguito in accordo con la ISO 8067, il grado di riproducibilità per i provini a pantalone va dal 16 al 36%, tre volte di più rispetto ai provini angolari.

Il metodo di prova può essere eseguito con una macchina di prova elettromeccanica. Essendo le forze relativamente basse, può essere utilizzata una cella di carico con precisione di misurazione Classe 1. La misurazione dello spostamento non è richiesta, in quanto la resistenza allo strappo è calcolata dalla forza massima che si verifica durante la prova. In pratica, la crescita dello strappo viene spesso raffigurata come un grafico che segue la corsa della morsa di serraggio.

Il software testXpert II controlla la sequenza di prova e valuta la crescita dello strappo secondo le normative.

Normative per Queste Prove

Top