Utilizzo dei cookie
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per garantirti una migliore esperienza utente. Continuando a navigare nel sito,
accetti l’utilizzo dei cookie. Puoi cambiare questa impostazione in qualsiasi momento cliccando su "maggiori informazioni".

 
Maggiori informazioni
Allround-Line Z050TH con afferraggi a cuneo tipo 8404, Fmax 50kN

Caratteristiche degli afferraggi a cuneo

Gli afferraggi a cuneo sono formati da un corpo solido con inserti intercambiabili o inserti fissi, ed un'unità di funzionamento per la relativa apertura e chiusura.

  • Gli afferraggi a cuneo sono adatti per provini soggetti al restringimento, in quanto si stringono automaticamente compensando la diminuzione dello spessore del provino.
  • Gli afferraggi a cuneo si chiudono simmetricamente, posizionando automaticamente il provino nell'asse di trazione ed eliminando la necessità della regolazione dello spessore
  • L'ampia lunghezza di serraggio e le buone proprietà di guida degli inserti consente di tener bassa la pressione del contatto sui provini
  • La resistenza alle alte temperature e l'altezza ridotta rendono gli afferraggi ideali per l'utilizzo in camera climatica.

Principio "Leva" Afferraggi a cuneo

Principio "Leva"

Gli afferraggi a cuneo che si basano su questo principio sono "auto-serranti". Viene applicata al provino una forza di pre-carico tramite il funzionamento della leva combinata con una molla. Si ottiene la forza di serraggio principale solo durante il carico in trazione grazie all'effetto del cuneo. La pressione di serraggio mantiene una relazione costante con la forza di trazione attraverso lo spostamento dei cunei. Inoltre, questi afferraggi hanno anche il vantaggio di poter eseguire prove in tempi ridotti e con minimo sforzo dell'operatore.


Principio "corpo sopra cuneo" Afferraggi a cuneo

Principio "corpo sopra il cuneo"

Gli afferraggi a cuneo che aderiscono a questo principio apllicano una forza di pre-carico maggiore sul serraggio. Il pre-carico viene trasmesso al provino da un azionamento a vite tramite il corpo della guancetta. In questo caso anche la forza di serraggio principale viene raggiunta durante il carico in trazione (tramite l'effetto del cuneo). Gli afferraggi di questo tipo offrono due vantaggi: i provini che tendono a scivolare sono afferrati più saldmente dall'inizio; la lunghezza del serraggio rimane costante, anche se lo spessore varia da provino a provino. Inoltre il controllo della deformazione secondo la ISO 6892-1 (2009) Metodo A e ASTM E 8 (2009) Metodo B può essere applicato con precisione più alta.